Schroders ha recentemente deciso di trasferire la propria sede italiana in Via Manzoni 5, a Milano. L’operazione ci ha visti protagonisti nelle attività di Project Management, con l’obiettivo di creare un ufficio elegante, ricco di elementi che richiamano la città di Milano e con una forte componente tecnologica.

Abbiamo quindi organizzato un’attenta selezione dei contributor, per coinvolgere soggetti affidabili e qualificati, scegliendo di collaborare con un team integrato di Design and Build costituito dallo studio di E45, specializzato in progetti di uffici, e da Biesse, general contractor con una forte expertise nel fit-out di uffici.
Per una gestione ottimale dei contributor e per soddisfare le esigenze e le linee guida del Gruppo, abbiamo quindi adottato un approccio proattivo, che ci ha permesso di suggerire soluzioni e strategie, e abbiamo implementato una reportistica fitta e dettagliata che ha superato le difficoltà di trasferta e sopralluogo generate dalla situazione pandemica. È stato particolarmente sfidante integrare i requirement delle dotazioni audiovisuali, volte a rendere l’ufficio altamente connesso per facilitare le sempre crescenti comunicazioni da remoto con clienti e altre sedi del mondo Schroders.

$name

L’ufficio si configura come una successione di spazi dai colori sobri, morbidi ed eleganti, dominati da alcune tonalità di azzurro.
Impiegati e visitatori vengono accolti in un’area reception estremamente studiata, adiacente all’area break, che è pensata per accogliere i dipendenti in pausa e ospiti esterni, grazie a diverse tipologie di sedute.
Gli spazi operativi alternano uffici chiusi a zone in open space, dove armadiature e fioriere definiscono aree riservate, mentre arredi imbottiti forniscono zone adatte a call e telefonate. Flessibilità degli spazi ed esigenza di confidenzialità sono state conciliate con soluzioni intermedie fatte da pareti ed elementi di arredo che racchiudono le aree senza creare divisioni forti.
I dettagli di tutti gli ambienti richiamano le abitazioni di prestigio tipiche della città: una boiserie bassa caratterizza le pareti, mentre i disegni della moquette arricchiscono le aree centrali di ogni sala.
Le sale meeting aperte ai clienti sono caratterizzate da tocchi color ruggine e da tendaggi dal sentore domestico. Tutto si intona con l’immagine storica e nobile dell’immobile e del Quadrilatero della Moda, quartiere in cui si trova l’ufficio.

Tutto questo si coniuga con una grande varietà di worksetting e di spazi ancillari a supporto delle aree operative, che rendono la nuova sede di Schroders un esempio di come elementi architettonici tradizionali possano integrarsi ai più attuali standard del workplace.

$name